Su Avvenire dell'11/11/11 il giornalista Luca Mazza ha intervistato il nostro presidente Roberto Torta a proposito della nostra iniziativa del Centro ABA denominato l'Abaco, e ha anche raccolto la testimonianza di un genitore ("Gennaro") dell'associazione il cui figlio "ce l'ha fatta"!.

Per l'articolo completo vi rimandiamo al file PDF che potete scaricare qui. Di seguito un estratto dell'articolo.

La onlus “Genitori e Autismo” sta sviluppando un progetto che prevede l’apertura di un nuovo centro a Roma che permetta a un gruppo di bambini di svolgere una serie di attività comportamentali riconosciute utili per il loro miglioramento. L’iniziativa si regge soltanto su finanziamenti privati e metterà al centro le famiglie, che saranno coinvolte nelle attività. Una piccola cifra, di 5.000 euro, è stata raccolta grazie a una campagna di sms. Si conta di raccogliere altri fondi attraverso donazioni che possono essere fatte direttamente all’associazione. «Ci stiamo lavorando da un anno - racconta il presidente dell’associazione Roberto Torta - Il progetto prevede il consolidamento e l’ampliamento dell’offerta educativa. L’obiettivo è ambizioso e consiste nell’ottenere la reale integrazione del bambino nel suo ambiente di vita, che si realizzerà attraverso lo sviluppo della sua personalità e dell’acquisizione di saperi competenze». Tra le terapie più utilizzate per curare i bambini autistici ci sono quelle Aba (Applied Behaviour Analysis). Sono basate appunto su un approccio comportamentale e negli ultimi anni hanno ottenuto discreti risultati. Negli Usa questo metodo si utilizza già da un decennio, mentre in Italia solo da qualche anno: «Proponiamo ai bambini attività di gioco e interveniamo su comportamenti socialmente utili per cercare di stimolarli all’interazione con gli altri», spiega Rosa Torsiello, consulente Aba.

Thursday the 19th. .